Taste & Pair: tre abbinamenti birra-cibo tutti da provare!

Marco Caria

È online Domus News, la rubrica dedicata alle notizie dal mondo della birra artigianale. Affronteremo con voi numerose tematiche che toccheranno le varie sfaccettature dell’universo brassicolo.

Partiamo in grande stile con un argomento davvero interessante per gli addetti al settore e non: gli abbinamenti birra-cibo.

Il nostro degustatore

Roberto Muzi, docente per Slow Food e Fermento Birra, sommelier AIS e grande appassionato di vino naturale, curerà la nostra rubrica Taste & Pair. Con i suoi preziosi consigli e la sua esperienza fugheremo ogni vostro dubbio e curiosità!



Iniziamo con la Spaceman di Brewfist e con due birre dell’inglese Buxton, Subluminal (in collaborazione con il birrificio statunitense Stillwater) e Rain Shadow.


Brewfist, Spaceman – IPA – 7°
Il suggestivo naso fruttato, la secchezza, la peculiare e pericolosissima facilità di beva, un amaro gestito splendidamente – che ha lo straordinario pregio di ispirare il movimento del braccio nel portare compulsivamente il bicchiere alla bocca – la rendono una birra da poter inserire tra le session, nonostante la gradazione alcolica la porrebbe teoricamente fuori da questa dissetante cerchia.

Ma, nonostante il suo posto d’elezione sia il bancone e la bevuta disimpegnata, anche negli abbinamenti gastronomici si difende con apprezzabile disinvoltura: con salami di maiale, “dolci” e senza eccessive tendenze grasse oppure con quelli di coniglio; con carni bianche cucinate in padella, come per esempio un pollo alla cacciatora – con l’attenzione a non eccedere con erbe aromatiche e spezie e a far sentire l’aceto come una lievissima sfumatura; oppure, pensando ad un cibo di strada, potrebbe fornire inaspettate soddisfazioni accostata ad una crocchetta di patate e dadini di pancetta o guanciale.

Buxton/Stillwater, Subluminal – Imperial Stout – 10°
Nera come la pece, profumi di caffè, torrefazione, note di goudron, liquore al caffè, liquirizia, legno bruciato. L’attacco è abboccato, da caramella alla liquirizia, e poi vira sui toni duri che contraddistinguono lo stile: è astringente e asfaltante, difficile immaginare di bere qualcosa dopo.

In abbinamento: cinghiale macerato e stufato nella stessa birra con menta e visciole; salsicce di selvaggina con salse di frutta scura e a tendenza grassa; dolci non troppo dolci, come una crostata di pasta frolla con ricotta e caffè; con un “semplice” accompagnamento di pasticcini al burro, come stuzzicante complemento. Per gli amanti del genere, un buon sigaro cubano per chiudere la serata, magari. Ma è anche una birra con legittime ambizioni da meditazione.

Il tempo le conferirà ancora maggiore personalità, rendendola più profonda e intrigante: se avete una cantina degna, lasciatele ancora qualche mese per invecchiare (in posizione verticale), non vi deluderà.

Buxton, Rain Shadow – Imperial Stout – 12.2°
Dal colore nero impenetrabile con una allettante schiuma bruna e fitta. Naso pieno, che ti fa tornare e godere: si riscontrano immediatamente vaniglia e cioccolato bianco che celano elegantemente la sostenuta nota etilica; seguono frutti rossi sotto spirito, soffi di sherry, legno dolce. La botte del bourbon ha un ruolo di valorizzatore pazzesco, rende tutto fruibile, come addolcito. Le note gusto-olfattive sono trascinanti, di grande carattere, a tratti irresistibili.

Gli abbinamenti, al di là di un quasi ovvio tiramisù: cheesecake con composta di visciole; panna cotta con ricotta di pecora al caramello con gocce di sciroppo di prugna; un caro vecchio Stilton per fare un abbinamento geografico, ma in generale si sposa bene con erborinati dolci, cioè non piccanti. Possono accompagnare splendidamente morbidi cioccolati a tendenze dolci e rotonde, di cacao da prestigiosi cru (suggeriamo l’Arriba, il Chuao o il Porcelana): è importante che l’ingrediente fondamentale non superi mai il 70%.

Per qualsiasi informazione sulle birre qui presentate contattateci a info@domusbirrae.com. Sei hai un locale visita la nostra piattaforma, per acquistare nel nostro beershop online clicca qui.

Author: